Poster for the movie ""

Tutto il mio folle amore

Poster for the movie ""

Tutto il mio folle amore

97 min - Dramma
Prezzo: INGRESSO CON ABBONAMENTO O BIGLIETTO UNICO € 6,50
Proiezioni: 

Lunedì 25 Novembre ore 20.45
Martedì 26 Novembre ore 21.00
Mercoledì 27 Novembre ore 21.15


Sito ufficiale: 
Nazione:   Italy
Regista:  Gabriele Salvatores
Casa di produzione:  Indiana Production Company, Rai Cinema, 01 Distribution, EDI Effetti Digitali Italiani
Premi:  Presentato fuori concorso alla 76ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia

Recensione

Certe volte, come cantavano Le Vibrazioni, c’è bisogno di andar via, di partire, di abbandonare consuetudini e routine per mangiare la polvere della strada, svegliarsi dentro a nuovi scenari e nuove canzoni e reinventarsi grazie alle suggestioni di un luogo. Altre volte, invece, sembra proprio necessario ritrovare la strada di casa, parlare lingue conosciute, rincontrare gli amici di un tempo, accoccolarsi dentro vecchie confort zone. Per Gabriele Salvatores, regista dal cuor di leone, Tutto il mio folle amore è sia una partenza che un ritorno, ritorno al road-movie, al Rock and Roll, a Diego Abatantuono e al viaggio come riscoperta di sé e dell’altro. Quanti anni sono passati fra la storia di Willi e Vincent e la “zingarata” dei personaggi di Marrakech Express… Nel frattempo il fondatore del Teatro dell’Elfo ha inventato il fantasy all’italiana, ha coltivato il sogno di un grande affresco fantascientifico e si è tuffato in romanzi scritti da altri, arredandoli, come fossero stanze un po’ disadorne, di visioni dal gusto personalissimo. Anche Tutto il mio folle amore prende spunto da un romanzo – “Se ti abbraccio non aver paura” di Fulvio Ervas – e, senza tradirlo, lo trasforma innanzitutto in un’avventura che non si svolge fra le Americhe ma nei Balcani, dove un padre e un figlio scoprono che un “sogno italiano” esiste e resiste e ha la faccia di Domenico Modugno, che poi è il protagonista dell’episodio pasoliniano di Capriccio all’italiana che dà il titolo al film e a una canzone di Modugno scritta dallo stesso Pierpaolo. E Domenico Modugno, anzi “Il Domenico Modugno dei Balcani” è il soprannome del personaggio di Claudio Santamaria, antieroe del XXI° secolo dotato di grande saggezza e di una pragmatica filosofia di vita espressa dalla frase “dopo la grande sfiga arriva sempre la grande fortuna”. Marianna Cavalleri


Cast

Claudio Santamaria, Valeria Golino, Diego Abatantuono, Giulio Pranno, Daniel Vivian, Tania Garribba

Trama

La straordinaria avventura on the road, dall’Italia dell’est fino alle strade deserte dei Balcani, di un padre e un figlio e il loro rapporto tenero, divertente, problematico e fuori dagli schemi.

Trailer